Pubblicato in: advocacy autismo, aspie, autismo, educazione, informazione

“The Good Doctor” is a Good Thing

The Good Doctor is a Good Thing

Ho visto le prime 3 puntate della  serie tv “The Good Doctor” e letto tante lamentele in giro per le bacheche di Facebook .

Alcune proprio non le ho capite, altre posso comprenderle, ma le trovo riduttive .
Che poi piaccia o meno la serie ,credo sia soggettivo , ma se parliamo di autismo, ci tengo a fare qualche considerazione personale , sperando di far vedere la cosa da un altro punto di vista a chi lo ha criticato.


1) E’ una serie tv, non un documentario, quindi come tutti i film/telefilm tratta una singola storia, di una singola persona e NON ha il pretesto di raccontare l’autismo, ma quel singolo autismo. Come tutti i film/telefilm in genere .

2) Nessuno ,se guarda un film su Leonardo Da Vinci, poi è autorizzato a pensare che tutti i bambini diventino come lui . Perché adesso tutti dovrebbero pensare che tutti gli autistici diventino medici e tutti siano geniali ? Per quale motivo?
Oltretutto il film specifica che è un alto funzionamento con doti savant, cioè che non rappresenta certo la norma nello spettro autistico.

3) “L’autismo vero non è quello” ? Si, è anche quello, perché il ragazzo ha tanti comportamenti autistici, tante difficoltà legate allo spettro , recitate anche discretamente, forse a volte un po’ enfatizzate per chi ha un cognitivo simile , ma comunque abbastanza verosimili .

4) Anche io ,in passato, mi sono lamentato perché si facevano film solo sui lati estremi dello spettro , ma non si facesse conoscere quale sia l’autismo che sta in mezzo, ma poi mi sono in parte ricreduto, perché alcuni modi di comportarsi e pensare sono simili comunque anche con funzionamenti talvolta diversi. E comunque quella è una cosa che dobbiamo chiedere ai documentari e non ai film.

5) Non ho mai sentito critiche simili  a serie tv come Mentalist o Elementary , con protagonisti che fanno comunque cose poco verosimili e geniali , solo perché i protagonisti non sono o non sono stati associati allo spettro autistico.

Veniamo ai motivi per il quale l’ho trovato positivo .
Il film mostra come nonostante doti savant , un ragazzo nello spettro , abbia bisogno di supporto, di quanto sia utile un supporto anche nella loro educazione e che si debbano aiutare molto comunque. Non basta un QI altissimo per cavarsela.
Mostra molti degli atteggiamenti autistici che spiazzano le persone comuni, ma offre degli stessi una lettura diversa allo spettatore .
Non è detto che chi non si comporta e pensa come noi, sia sempre in errore . E credo che questa apertura ad un pensiero diverso, debba essere positiva a prescindere del fatto che parli di autismo.

Altra cosa che mi è piaciuta è come abbiano posto l’attenzione sul pregiudizio.
Nonostante le sue doti , non lo vogliono assumere  e non per le sue difficoltà, ma sulla base di una diagnosi. Cioè lui paga prima di tutto un pregiudizio (ottimo il parallelismo con ciò che hanno passato le donne e gli uomini di colore sempre nel mondo del lavoro) . Questo è il messaggio che più mi è piaciuto.

I nostri figli hanno il diritto di essere giudicati sulla base di ciò che sanno e possono fare, non sulla base di un pregiudizio legato ad un’etichetta diagnostica . Questo sarebbe un bel messaggio ,se davvero arrivasse. Pensate a quando a scuola vi hanno detto che non gli avrebbero insegnato a leggere, solo perché ha una diagnosi? Sono pregiudizi da superare e questa serie  cerca proprio di fare questo.

Quali sono le criticità, cosa temete ?
Pensate davvero che chi guarda questa serie tv sia portato a credere che i nostri figli debbano avere meno aiuti ???
Ma se anche un genio come questo ragazzo ha bisogno di sostegno, a maggior ragione le persone penseranno che gli aiuti siano dovuti a i nostri figli , che , tranne rari casi, geni non sono.

Pensate che alimenti il mito autismo=genio ? Ma ad oggi l’associazione ,che più vedo fare dalla gente comune,  è quella autismo= stupidità, pazzia ,ritardo.
Questo film può servire proprio a far leggere diversamente alla società un comportamento bizzarro, un silenzio, una risposta diretta, che magari non verranno subito bollati come stupidità o maleducazione.

P.S. Tutte queste critiche sul mostrare un autistico geniale, sinceramente non le leggo quando si parla di libri scritti con la Comunicazione Facilitata (un inganno), libri che tendono a presentare  TUTTI gli autistici come dei geni repressi in un corpo che li limita . Ecco questa è una vera balla e può creare falsi miti.

P.S.2 In alcune recensioni ho visto presentare questo caso come fosse un caso di “idiot savant”  in realtà (e viene detto anche nella serie) è un caso di autismo ad alto funzionamento con doti savant.