Posted in Uncategorized

2 Aprile e la cattiva informazione.

Non volevo scrivere niente per il 2 aprile. Non credo che sia da celebrare, anche se apprezzo qualsiasi tentativo si faccia di fare buona informazione o di lottare per i diritti spesso disattesi dalle istituzioni.
Mi piace più quando si cerca di andare nell’operativo,piuttosto che sul celebrativo,ma chi non fa ,nemmeno credo abbia diritto di critica.
Però proprio oggi il  2 aprile giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo, non posso lasciar passare che si faccia cattiva informazione sull’autismo.
Non posso leggere articoli da libro cuore che hanno l’intento di emozionare il lettore ,ma pure di rinnovare i falsi miti  sull’autismo.
L’articolo in questione è questo Iole ha “vinto” l’autismo di Mimmo | Invisibili

Un articolo che ci porta indietro di anni, che parla di autismo come psicosi.
Che ignora completamente le linee guida 21.
Che torna a colpevolizzare nuovamente i genitori.
In una giornata dove si dovrebbe fare informazione.
Non so se dietro c’è il tentativo di salvare la psicoterapia psicodinamica e la stessa psicanalisi, che oramai sono state ufficialmente dichiarate inutili ed inefficaci.
So solo che non è accettabile un articolo del genere. Vi riporto uno stralcio significativo:

“…Bruno Bettelheim li chiama “la fortezza vuota”, è il titolo di un suo libro famoso. «Spesso noi genitori non siamo in grado di aiutarli. Qualche volta siamo di ostacolo. Mimmo è riuscito a mangiare cibi solidi solo dopo il distacco da me. Non avevo il ruolo per farlo. La mia bravura è stata quella di saper scendere nel suo mondo psicotico per riportarlo nel nostro.”

Solo questo basta a far capire il tenore dell’articolo.
Ed io mi chiedo se possiamo accettare che proprio oggi si venda un immagine del genere  a chi in fondo non conosce l’autismo e leggendo cose del genere da domani ,magari, guarderà noi ,genitori di autistici, con rinnovata diffidenza.

P.S. L’articolo in questione ha subito molte critiche,tanto che l’autore ha ritenuto modificare il cappello,inserendo pure le linee guida e rendendolo più accettabile.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s